menu

Buongiorno

02.12.2017 - Buongiorno Irpinia

Idea: i parcheggi del “Moscati” gratis per altri sei mesi. Ecco perché

Buongiorno, Irpinia.
Credo di interpretare correttamente il sentimento di migliaia di utenti dell’ospedale “Moscati” ringraziando anche a loro nome il direttore generale, Angelo Percopo, per aver convinto la “Pessina Servizi”, impresa aggiudicataria del project financing, a concedere il parcheggio coperto gratuito prima per il solo mese di novembre ed ora, come si è appreso ieri, per altri 15 giorni.

In verità, lo dico senza ironia, poiché siamo prossimi al Santo Natale, sarebbe stato bello trovare sotto l’Albero collettivo della Città Ospedaliera la notizia dell’estensione del beneficio a tutto il mese di dicembre. A volte piccoli gesti sono portatori di grande speranza.

Mi rendo conto, però, che non è giusto chiedere una ulteriore intercessione del direttore generale Percopo. Egli ha già fatto la sua parte. Sta bene così.
È per questo che mi rivolgo direttamente alla “Pessina Servizi” perché voglia accogliere la richiesta di prorogare, non di soli altri 15 giorni, ma almeno di sei mesi e 15 giorni, ovvero fino al 30 giugno 2018, il beneficio del parcheggio gratuito.
Ne spiego a volo d’aquila il perché.

Scrivevo sopra che a volte piccoli gesti sono portatori di grande speranza., Nel caso specifico, i piccoli gesti servono a anche a rendere gratitudine per ciò che si riceve. E, invero, l’Ati che si aggiudicò la gara di project financing per il parcheggio coperto ed altro della Città Ospedaliera ha ricevuto non poco. Ha avuto, ad esempio, il beneficio di poter incassare una montagna di soldi dalla gestione, affidata ad Apcoa, delle aree della Città Ospedaliera di proprietà del Comune di Avellino e dell’Asl. In buona sostanza, l’Ati ha goduto con larghissimo anticipo, grazie all’uso di suoli pubblici comunali e dell’Azienda sanitaria locale, quindi non dell’Azienda ospedaliera, della rendita cui avrebbe avuto diritto soltanto dopo la realizzazione del parcheggio coperto per il quale aveva vinto la gara di project financing.

Ma tant’è: in questa provincia, tutto quanto gira intorno alla Sanità – a cominciare dallo stesso bar della Città Ospedaliera – sembra rispondere a logiche gestionali non pubbliche ma molto privatistiche.
Però adesso siamo prossimi al Santo Natale e il rituale ci impone di essere bravi, buoni e generosi. Magari riprendiamo il discorso con l’anno nuovo. Nel frattempo, se chi di dovere ci fa un pensierino sulla cristiana proposta del “semestre in bianco” del parcheggio coperto, non potremmo che ringraziare anche la “Pessina Servizi”, come già doverosamente abbiamo fatto con il direttore generale Percopo.